Stai cercando qualcosa?

Tag Archives:relazione terapeutica

Fare lo psicologo oggi: 8 cose che ci hanno sorpreso

immagine presa su buffer

Una ricerca del 2015 ha messo in mostra che il 25% degli psicologi di Taiwan vogliono cambiare lavoro per il troppo stress.
Una ricerca australiana mostra che anche gli psicologi tirocinanti hanno un’alta possibilità di essere stressati.

Forse diventa allora importante sapere cosa si trova nella professione, cosa non ci aspettavamo e abbiamo trovato.
Queste le voci di chi lavora come psicologo/psicoterapeuta; sperando di esservi utili.

1. Pregiudizi e Genuinità

Continua a Leggere

Green Day e tagli sulle braccia: la Storia di Adelaide

tagli_braccia_green_day_adolescente_psicoterapia

Autrice: Nadia Izzo

Perché dovrei dire le mie cose ad un’estranea?”

Adelaide entra nella  stanza, sembra più grande, sembra avere più di 14 anni.

E’ timida, silenziosa, riservata, e quasi infastidita; non ha scelto lei di essere qui. Per lei io sono un’estranea. E sono una psicologa. E dalle psicologhe “ci vanno i matti”.

Si siede di fronte a me e con un’autenticità disarmante, e mi chiede:

Secondo lei, perché dovrei dire le mie cose ad un’estranea?

Inizia così la nostra relazione terapeutica.
Io ed Adelaide: da una parte una terapeuta messa in discussioni dalle parole del paziente, dall’altra un’adolescente guardinga che non si fida di nessuno.
Continua a Leggere

Non siete tutti psicologi, tantomeno psicoterapeuti

Autore: Barbara De Angelis 

“Mi leggi nella mente?”

Roma. Entro in un negozio e la proprietaria, che conosco, mi saluta e mi chiede

“come va?”

Poi succede qualcosa che solo chi è psicologo vive, anche quotidianamente, (alzi la mano a chi non è mai capitato), quando anche io le chiedo “come stai, come vanno le cose con tua figlia?”, e lei si ferma, mi guarda, e mi dice:

“Mi stai analizzando?”

Ecco una delle credenze che molte persone hanno rispetto allo psicologo: “ Quando apri bocca davanti a lui, appena fai un movimento, lui comincia una scansione di tutto ciò che ascolta e vede, e analizza il tutto per poi farsi una precisa idea di chi tu sia e di quali patologie mentali soffri”. Quindi, sempre secondo tale diffusa credenza, lo psicologo indaga, giudica, analizza, valuta.

Essere psicologi, e come nel mio caso psicoterapeuti, è tutt’altro che questo; tuttavia ogni professione ha il suo stereotipo e la sua bella dose di pregiudizi difficili da eliminare.

Continua a Leggere

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi, mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi