Stai cercando qualcosa?

Category Archives:Articoli

Seminario “competenze orientamento empowerment”

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Seminario

Competenze, orientamento, empowerment per l’inclusione.

Trasversalità e trasferibilità di skills, strumenti e pratiche

Sabato 19 ottobre 2019 si è svolto il Seminario presso il Polo Didattico dell’Università degli Studi Roma Tre il Seminario organizzato in collaborazione tra Aspic Lavoro e l’Ateneo stesso nell’ambito delle attività di disseminazione e condivisione del Progetto realizzato nell’ambito del Programma Erasmus+, partenariati strategici coordinato per ASPIC Lavoro, dal titolo: SOCIAL SELF-I. Self-empowerment of guidance advisors and VET trainers for the promotion of social inclusion of refugees, asylum seekers and adults in career transition.

Nelle due sessioni previste:

  • “Pratiche e skills per l’empowerment e l’inclusione”
  • “Percorsi, strumenti e luoghi per l’orientamento”

si sono alternati interventi del team del progetto e dei docenti della Facoltà di Scienze dell’educazione e della formazione.

La notizia e il programma completi sul sito ASPIC Lavoro.

Qui sotto il programma completo di sintesi introduttiva:

Seminario Sabato 19 ottobre Università Roma Tre

Per saperne di più sul Progetto Social Self-I visitare la pagina sul sito di Aspic Lavoro.

Rif. Progetto 2017-1-IT01-KA202-006139–Erasmus+ – Azione Chiave 2-Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche – Partenariati strategici VET–Ente Coordinatore: ASPIC LAVORO – (1/11/2017-31/10/2019)

Abstract del mio intervento

Il Progetto “SOCIAL SELF-I” nella cornice Erasmus+. Scambio di buone pratiche e formazione reciproca per un empowerment condiviso. Esperienze, processi e apprendimenti trasversali e trasferibili

 Abstract

Elementi cardine dell’esperienza del Progetto Social Self-I, le attività di scambio di buone pratiche e  formazione reciproca realizzate si sono fondate sulla parità e mutualità tra i partecipanti delle organizzazioni partner, esperti di diverse discipline, impegnati in ambiti lavorativi, in ruoli e con caratteristiche organizzative e culturali eterogenee, al tempo stesso accomunati dalla volontà di accrescere la propria efficacia nel perseguire l’inclusione sociale e lavorativa mediante il proprio operato. Rievocando gli aspetti più salienti delle esperienze compiute, accanto al grande valore dei contenuti condivisi (le risorse: pratiche, strumenti, tecniche) assumono forma quei risultati intangibili dell’apprendimento che possono tuttavia generare effetti tangibili dalla portata potenzialmente molto estesa. Aspetti di valore della formazione compiuta rilevati dall’esperienza dei partecipanti: l’acquisizione di strumenti utili e di conoscenze sui rispettivi sistemi e di l’assunzione di prospettive diverse, decentrate, riguardo tematiche di interesse comune, un affinamento della competenza interculturale. Ancora, l’apprendimento esperienziale, la centralità della relazione, l’importanza del gruppo, del lavoro collettivo su progetti e interventi, della riflessione e del pensiero condiviso nella ricerca di soluzioni e possibili integrazioni. La riflessione costante e ricorsiva rivolta anche sul come trasferire e integrare le pratiche in modo trasversale nella propria attività rispecchia quei processi di ridefinizione e trasferimento delle conoscenze, di skill e di esperienze attraverso contesti lavorativi, esistenziali e geografici-culturali richiesti e auspicati da parte degli utenti cui le azioni sono rivolte. Infine, si è resa ancora più evidente l’interdipendenza fra tutte le componenti del sistema e l’importanza di attivare tutti i nodi delle reti esistenti con interventi nelle diverse fasi dei processi di accoglienza e di attuazione di interventi mirati a perseguire le pari opportunità e l’inclusione. Ne deriva la necessità di coinvolgere maggiormente in tali azioni il mondo del lavoro (settori produttivi e contesti lavorativi) con un ruolo centrale dell’educazione e della formazione.

 Ekaterini Anagnostopoulos è psicologa e psicoterapeuta, consulente di orientamento e formatrice. Membro del Direttivo di ASPIC Lavoro, ha co-progettato e coordina Social Self-I e realizzato diverse iniziative (attività di sportello, seminari, laboratori e iniziative nella comunità; ne è Referente presso la Rete di Diffusione Euroguidance Italy (ANPAL), l’European Migration Forum (UE) e il Forum Consultivo dell’EASO. Ha conseguito il perfezionamento post-lauream in transculturalità presso l’UCSC di Roma e acquisito esperienza presso il Centro per rifugiati e richiedenti asilo dell’INMP (ex San Gallicano). Docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Umanistica Integrata ASPIC e nel corso in Consulenza Interculturale (ASPIC Padova). Ha maturato un’esperienza pluriennale in contesti organizzativi ed è stata consulente di outplacement con quadri e dirigenti. Si interessa di attività di orientamento, valorizzazione delle competenze ed empowerment di persone in condizioni di vulnerabilità. Svolge attività libero professionale clinica, di consulenza, orientamento e formazione.

 

 

 

 

Conferenza su lettura e orientamento

paros_barca

La lettura per l’orientamento di sé nella vita e nel lavoro: tre esplorazioni sul tema

Invito alla Conferenza – Laboratorio ideata per ASPIC Lavoro nell’ambito dell’iniziativa Il Maggio dei Libri.

Appuntamento Venerdì 25 maggio 2018 – dalle ore 18.00* alle ore 20.30 (ingresso entro le 18.15).

 

logo badge il maggio dei libri 2018

Il programma

Tre esplorazioni  integrate con brevi letture e momenti di auto-esplorazione, di interattività dedicati alla condivisione di esperienze, a riflessioni, allo scambio di idee e “buone pratiche” per coltivare la lettura come alleata preziosa lungo l’intero arco della vita.

Un’occasione immancabile di incontro, di attenzione al proprio sé lavorativo e alla propria crescita personale e professionale.


Prima esplorazione

Identità e cambiamento: la sfida dell’orientarsi, a cura di Emilia Filosa

Seconda esplorazione

Storie che nascono, identità che si svelano, a cura di Gabriella Di Francesco

Terza esplorazione

Letture “geniali”, volontà e realizzazione di sé nel lavoro, a cura di Katerina Anagnostopoulos

Un’iniziativa di networking sociale integrato, realizzata con ASPIC Lavoro, per valorizzare e rafforzare le risorse e competenze individuali e collettive in un’ottica di empowerment lavorativo e di benessere.

Un’occasione per per ri(visitare) e (ri)scoprire insieme il valore dei libri e della lettura

  • nei processi soggettivi di conoscenza, definizione di sé e ridefinizione di sé,
  • nella valorizazione delle risorse, delle conoscenze e delle competenze personali,
  • come leva motivazionale e di autosostegno nella propria progettualità esistenziale, formativa e lavorativa.

Sede

ASPIC,  Via Vittore Carpaccio, 32 – Roma.

La partecipazione è libera e gratuita (posti limitati, si consiglia di prenotare).

*L’ingresso sarà possibile entro le ore 18.15.

Info e prenotazioni

tel. 347.9289119, scrivere a: info@aspiclavoro.it

Meditazione contemplazione e gioia di lavorare

20160326_090330

Meditazione, contemplazione e gioia di lavorare

Le pratiche della meditazione e della contemplazione originano da sentieri sapienziali antichi e dalle principali tradizioni spirituali dell’umanità. Oggi, la mole di ricerche e la crescente attenzione scientifica rivolta allo studio della loro efficacia ne attesta i benefici per il corpo e la mente, rendendole risorse secolarizzate accessibili in vari contesti.

Pensiamo alla mindfulness, alle forme di meditazione dello yoga o alle pratiche delle grandi tradizioni spirituali. L’offerta e possibilità di praticare la meditazione in varie forme e ambiti – inclusi gli ambienti di lavoro – ne fanno strumenti per ridurre lo stress, raggiungere il benessere e una migliore qualità della vita. Moda o anelito verso l’ampliamento della coscienza di sé, degli altri, del mondo?

Scopo della meditazione è la piena consapevolezza del momento presente. La si può praticare in vari modi con l’attenzione rivolta alla propria interiorità o al proprio sé immerso nell’ambiente circostante. Quando praticata con costanza e impegno si possono ottenere benefici importanti:

  • la mente si acquieta,
  • migliora la capacità di attenzione e di concentrazione,
  • vi è un riequilibrio di funzioni fisiologiche che rivitalizzano il corpo,
  • si rafforza la risposta immunitaria e la capacità di risposta allo stress.

Un semplice modo di meditare è osservare la propria esperienza così come si dispiega momento dopo momento oppure concentrando l’attenzione sul respiro riportandovela dolcemente qualora vi siano distrazioni, senza soffermarsi su eventuali pensieri o sensazioni emergenti (piuttosto lasciando che vengano e vadano) o anche ripetendo interiormente una parola o breve frase che evoca benessere (Herbert Benson, Harvard Medical School).

Si accede a stati contemplativi con il silenzio interiore, “dimorando” nel proprio sé, nella propria essenza autentica.

Scriveva Marco Aurelio:

«Rifugiatevi nel centro più recondito e testimoniate il sapere “io sono”, siate semplicemente. Questa è la benedizione dell’essere».

Anche un contatto in piena consapevolezza con la natura avvicina alla riconnessione con l’essere autentico e con la totalità dell’esistente.

La gioia che emerge è connessa dunque al lavoro inteso come territorio di libertà e di realizzazione di sé, come espressione e attuazione delle potenzialità personali, della propria unicità. E’ un sentimento autogenerato, incondizionato, connesso al piacere intrinseco esperito nell’attività svolta e a una disposizione equanime che consente di svolgere con contentezza anche le giornate di lavoro più ordinarie e gli affari della vita così come si svolgono momento per momento (Maslow).

Il poeta indiano Rabindranath Tagore in La vera essenza della vita (Sādanā) descrive la tendenza alla realizzazione di sé come desiderio di rivelare se stessi con vigore attraverso la propria vita e le proprie opere. L’incontro intimo nella meditazione con i propri valori, con il senso e significato esistenziale che il lavoro riveste nella propria vita rende possibile conciliare produttività, successo lavorativo ed economico, da un lato e allineamento fra aspirazioni personali e dedizione al lavoro, gioia e spirito di servizio, dall’altro, in una tensione verso il sommo bene oltre il quale, come affermava Seneca, non può esserci alcun fine ulteriore.

Riferimenti bibliografici

Benson H. (1997), Credere per poter guarire. Quando la scienza medica incontra la meditazione e la preghiera, Sperling & Kupfer, Milano.

Marco Aurelio, Colloqui con se stesso,

Maslow A. (1962), Toward a psychology of being, D. Van Nostrand Co.; trad. it. Verso una psicologia dell’essere, Astrolabio, Roma, 1971.

Maslow A. (1970), Motivazione e personalità, Fabbri, Milano, 2007.

Seneca, Sulla felicità,

Tagore R. (1913), Sadhana. The meaning of life; trad. it. La vera essenza della vita (Sadhana), Guanda, Milano, 1988.

 

Autore: Katerina Anagnostopoulos